Category Archives: Libri

Il pilota privato. Guida teorico-pratica.

Il pilota privato. Guida teorico-pratica. Conforme norme EASA

Di Giancarlo Stretti

La normativa Italiana è in fase di evoluzione per recepire la normativa EASA. Questa edizione riflette il livello più recente della regolamentazione ed è allineata col Regolamento “SERA” (Standardised European Rules of the Air) e con le Regole dell’Aria Italia (RAIT) 3a edizione, emendamento 1, rilasciata il 17 dicembre 2017.

Il pilota privato. Guida teorico-pratica. Conforme norme EASA
Il pilota privato. Guida teorico-pratica. Conforme norme EASA

In previsione di prevedibili ulteriori aggiornamenti, nel testo sono riportati gli indirizzi dei siti ove è possibile trovare la versione più recente. Questo libro scaturisce dalle lezioni di Teoria del Volo, che l’autore tiene da tempo per i corsi PPL(A) e avanzati e dall’interazione in aula e in volo con gli allievi Piloti. Seguendo la normativa EASA-FCL, vengono presentate le nozioni per l’esame teorico PPL(A), nozioni che sono la base necessaria per l’addestramento in volo.


Piaciuto l’articolo?

Se sei interessato ad articoli come questo puoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato. Non faremo alcun spam. Promesso!

Spazio aereo Piaggio

Spazio aereo Piaggio. Un secolo di cultura industriale nella città del volo

Di Fabio Caffarena

Finale Ligure è stata dal 1917 al 2014 città del volo: la sua storia si intreccia alle vicende dei cantieri Piaggio, nello spazio aereo della memoria rappresentato dal grande hangar per idrovolanti costruito in riva al mare nel 1918 e da altri edifici industriali ormai abbandonati, destinati in gran parte alla demolizione. Questo studio consente di immergersi in un secolo di cultura del lavoro e di recuperare l’eredità sociale lasciata nel territorio da una delle principali industrie aeronautiche nazionali.


Piaciuto l’articolo?

Se sei interessato ad articoli come questo puoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato. Non faremo alcun spam. Promesso!

Molte aquile ho visto in volo. Vite straordinarie di piloti

Molte aquile ho visto in volo. Vite straordinarie di piloti

Di Filippo Nassetti

Vi sarà capitato di chiedervi: chi c’è dietro quella porta?

La porta è quella della cabina di pilotaggio e voi siete seduti nell’aero, sospesi in cielo, affidati alle mani di chi sta ai comandi.

Non lo vedete, forse lo avete scorto mentre passava i controlli dedicati, insieme con il resto dell’equipaggio, divisa stirata, cappello, valigetta di pelle. Ne avete sentito la voce, rassicurante, al decollo, poi più niente.

Molte aquile ho visto in volo. Vite straordinarie di piloti
Molte aquile ho visto in volo. Vite straordinarie di piloti – di Filippo Nassetti

Vi siete affidati a lui come al chirurgo che compie su di voi una complessa operazione, impossibile da spiegare e da comprendere. Ogni giorno migliaia di aerei volano e migliaia di uomini li manovrano. Tra loro ci sono potenziali eroi, pignoli e creativi, innamorati e cinici, capitani prudenti e temerari. La cronaca ne parla quando succede qualcosa di eccezionale: un atterraggio di fortuna (magari sulle acque di un fiume), un salvataggio spericolato o, al contrario, un errore umano, troppo umano, e uno schianto.

Ma le loro storie precedono quell’attimo fatale. Questa raccolta socchiude la porta della cabina e vi lascia intravedere gli uomini che stanno dentro. Dopodiché, volare non sarà più la stessa cosa. La motivazione principale che spinge Filippo Nassetti a questo “volo” è il ricordo di suo fratello Alberto, pilota tragicamente deceduto in giovane età, il cui nome vi potrebbe esser capitato di leggere sulla carlinga di un aereo.

La sua figura e la sua vicenda fanno da filo conduttore alla collana di storie che unisce altri piloti e svela i loro lati non oscuri, ma meno conoscibili. La passione irresistibile di Alberto è la miccia che ne innesca di altrettanto totalizzanti. La scelta è precoce, il rischio evidente, la soddisfazione irrinunciabile. Per volare Alberto rinuncia a un destino più facile, per continuare a farlo lo volgerà in dramma.

Cosa motiva un pilota? Filippo Nassetti cerca la risposta meno scontata, atterrando i suoi personaggi. Proprio raccontandoci altro di loro ci fa capire perché ‘staccano l’ombra da terra’.

(Gabriele Romagnoli)


Piaciuto l’articolo?

Se sei interessato ad articoli come questo puoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato. Non faremo alcun spam. Promesso!

LAI e Alitalia

LAI e Alitalia. Negli anni d’oro dell’aviazione civile

Di Antonio Bordoni

La storia della Linee Aeree Italiane è stata di breve durata, appena undici anni. Fondata nel 1946 è confluita in Alitalia il 1° novembre 1957. A partire da quella data, tutti gli onori e le glorie sono passati ad Alitalia. La LAI è così caduta nel dimenticatoio e pochi sanno che se Alitalia è potuta diventare una delle più grandi compagnie aeree del mondo – tale era negli anni Sessanta e Settanta – deve il suo successo anche al contributo fornito dell’altra aerolinea.

LAI e Alitalia. Negli anni d'oro dell'aviazione civile italiana - di Antonio Bordoni
LAI e Alitalia. Negli anni d’oro dell’aviazione civile italiana – di Antonio Bordoni

La storia delle Linee Aeree Italiane merita, dunque, di essere conosciuta innanzitutto per una questione di memoria storica e poi non fosse altro perché la compagnia Alitalia-Linee Aeree Italiane, sorta nell’ottobre 1957 a seguito della fusione fra i due vettori, deve molto alla sua consorella in termini di uomini e di mezzi. Negli ambienti delle due compagnie si ipotizzava, infatti, che se l’unione fosse avvenuta, sarebbe stata la LAI ad assorbire l’Alitalia e non viceversa.

Ricordare i giorni delle Linee Aeree Italiane vuol dire ripercorrere le cronache di una società che era decisamente superiore all’altro vettore italiano – erano i numeri a parlare-, ma che per una serie disgraziata di incidenti aerei si è preferito far confluire nell’altra compagnia aerea nazionale anch’essa nata nel dopoguerra praticamente in contemporanea per una questione di antagonismo fra USA e Regno Unito. Si può affermare che il merger  tra la LAI e Alitalia sia stato una dei primi esempi di fusione avvenuti nella storia dell’aviazione commerciale mondiale.

Ma sulla LAI, oltre ad esservi ben poca letteratura, gli storici del trasporto aereo preferiscono “sorvolare”. Tutti sanno che il primo volo di Alitalia è avvenuto il 5 maggio 1947 quando un trimotore Fiat G12 decollò dall’aeroporto di Torino alla volta di Roma-Urbe con destinazione finale per Catania. Ben pochi ricordano che in realtà il primo volo della LAI, e con esso la ripresa dell’aviazione commerciale italiana del dopoguerra, parte con un mese di anticipo rispetto ad Alitalia: il 14 aprile 1947 e veniva operato con l’allora “moderno” DC3.

E trattando degli anni in cui la LAI operò sono presenti nell’opera anche le tante altre compagnie aeree sorte in Italia in quel periodo, compagnie che le due sorelle più fortunate, grazie ai legami internazionali di cui godevano, misero ben presto in secondo piano.

Con la nascita della LAI negli anni della ricostruzione post-bellica l’autore del libro, Antonio Bordoni, vuole  anche mettere in evidenza come i nostri vettori siano partiti in vantaggio rispetto ai due Paesi “ex-alleati” ovvero Germania e Giappone, ai quali era stato vietato di ricostruire la loro aviazione. Così mentre le nostre compagnie prendevano il via fin dal 1947, in Giappone ciò avverrà nel 1951, in Germania nel 1955. Per un certo numero di anni seguiremo anche l’andamento comparato dei tre vettori di bandiera di queste nazioni.

Dopo l’avvenuta unione fra LAI e Alitalia viene esaminato il periodo successivo per narrare come la nuova compagnia nata dalla fusione sia stata una protagonista di primissimo piano nella storia dell’aviazione commerciale mondiale per molti anni, all’incirca fino ai primi anni Settanta, periodo del suo maggiore splendore nonché di massima espansione della rete sociale. Ma a tale periodo l’autore dell’opera si è voluto fermare, poiché sul declino e sugli più recenti dell’Alitalia si è scritto tanto e si tratta di un periodo storico troppo recente per poter essere analizzato in modo obiettivo.

Antonio Bordoni ha coperto il ruolo di responsabile finanziario presso diverse compagnie aeree straniere. Tale posizione gli ha permesso di avere una visione privilegiata su ogni aspetto dell’industria aerea commerciale vivendo i cambiamenti epocali del settore: dall’elica al jet, dalla deregulation alle low cost. È stato autore di articoli per riviste aeronautiche e di monografie quali: 1978-2018: quarant’anni di deregulation (IBN 2018); Ryanair nel Belpaese, cronaca di una colonizzazione (LoGisma 2017); Quando il cielo esplode. Bombe e missili contro aerei di linea (LoGisma 2016); Piloti malati. Quando il pilota non scende dall’aereo (LoGisma 2015). È inoltre ideatore e curatore del sito www.air-accidents.com che riporta un completo e aggiornato database degli incidenti aerei a partire dal 1951, con statistiche e analisi sulla sicurezza del volo, e del sito www.aviation-industry-news.com dedicato alle strategie gestionali del trasporto aereo commerciale.


Piaciuto l'articolo?

Se sei interessato ad articoli come questo puoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato. Non faremo alcun spam. Promesso!