Tag Archives: textronaviation

Cessna 172, il classico dell’aviazione generale

Il Cessna 172 è il monomotore da turismo più popolare al mondo. E’ stato prodotto dalla Cessna Aircraft Company (adesso Textron Aviation) a partire dal 1956 ed ha venduto fino ad oggi più di 45.000 esemplari in tutto il mondo, di cui ben 1.400 nell’anno di uscita in commercio.

Un Cessna 172 Skyhawk – Photo by Smithsonian Institution

Panoramica

Sviluppato a partire dal 1955 partendo dal suo predecessore Cessna 170 a carrello biciclo, fu il primo esemplare a carrello triciclo costruito dalla Cessna come diretto concorrente della Piper Aircraft che aveva già convertito in triciclo il suo PA-20 Pacer nel PA-22 Tri-Pacer.

Le prime versioni del Cessna 172 infatti erano sostanzialmente identiche al Cessna model 170 del quale ne ereditava quasi tutta la configurazione, motore incluso ad eccezione del timone verticale che nel Cessna 172 era stato modificato in forma rettangolare anziché smussata come nel Model 170.

Alla sua uscita in commercio, il Model 172, fu promosso al pubblico con lo slogan pubblicitario “Land-O-Matic, flying like driving proprio a causa della presenza del ruotino anteriore che lo rendeva particolarmente agevole da manovrare sia al suolo che durante decolli e atterraggi.

Land-O-Matic, il poster pubblicitario da rivista ideato da Cessna

La prima versione del Cessna 172, prodotta fino al 1960, era quindi equipaggiata con lo stesso motore del Cessna 170, il Continental O-300 da 145 HP a sei cilindri, raffreddato ad aria. Il peso del velivolo in totale era di 998 Kg.

La conversione in triciclo del Model 170 nel Model 172 fu probabilmente l’upgrade più importante della storia dell’aviazione leggera; il Cessna 172 divenne così popolare da scavalcare in pochi anni il suo diretto concorrente Piper Aircraft nella costruzione di velivoli destinati al turismo e all’addestramento.

Un Cessna 170 biciclo, molto simile al primo Cessna 172 ad eccezione del timone verticale ed, ovviamente, il carrello – Photo by PilotWeb

Nel corso della storia, il Cessna 172 è stato modificato e prodotto in molteplici versioni. Tali modifiche hanno impattato principalmente il gruppo propulsore. Si è infatti passati dal Continental O-300 sei cilindri da 145 HP al Lycoming O-320 quattro cilindri da 150 HP, quest’ultimo inizialmente sviluppato per il Cessna Cardinal. Altri motori piuttosto diffusi furono il Lycoming O-320 da 160 e 180 HP.

Per quanto riguarda il pannello della strumentazione avionica, nonostante piccoli aggiustamenti fatti nel corso del tempo, la modifica più importante da segnalare è nel 2005; venne infatti installato il glass cockpit Garmin G1000 dotato di MFD con rilevazione e visualizzazione in tempo reale dei dati riguardanti il meteo, la conformazione del terreno nonché il link di collegamento all’autopilota Bendix King KAP 140.

N5000A, il primo Cessna 172 prodotto e ancora funzionante (vedi video sotto)

Le versioni chiave del Cessna 172

Il Cessna 172 è stato costruito in diverse versioni, di seguito riportate le più significative:

  • C172 – Costruito dal 1955 fino agli inizi degli anni sessanta, equipaggiato con motore Continental O-300 da 145 HP
  • C172A – Dotato di timone a freccia e gli attacchi per la conversione in idrovolante
  • C172B – Introdotto alla fine degli anni 60, fu il primo Cessna soprannominato “Skyhawk”
  • C172D – Fu il primo Cessna dotato di lunotto posteriore panoramico denominato da Cessna come “Omni-Vision”, soluzione che era già stata adottata sul Cessna 180 e 210
  • C172F – La prima versione dotata di flaps attuati elettricamente, costruita in Francia dalla Reims
  • C172N – Conosciuto come lo Skyhawk N o Skyhawk 100, equipaggiato con motore Lycoming O-320-H2AD da 160 HP progettato per funzionare con benzina a 100 ottani
  • C172P – Il modello successivo al C172N, costruito per rimpiazzare il problematico O-320-H2AD C172N con il più efficiente Lycoming O-320-D2J
  • C172RG Cutlass – La versione a carrello retrattile del Cessna 172 introdotta nel 1980, equipaggiato con motore Lycoming O-360-F1A6 da 180 HP

Descrizione

Il Cessna 172N è un monomotore ad alta, quadriposto e carrello triciclo fisso. La configurazione alare è dritta con gli impennaggi di coda a freccia.

E’ equipaggiato con un motore a pistoni e quattro cilindri contrapposti Avco Lycoming O-320-H2AD da 160 HP raffreddato ad aria, dotato di elica bipala McCauley 1C160 a passo fisso dal diametro di 75 pollici.

Esteriormente, la livrea caratteristica è a strisce, riportate sui fianchi della fusoliera a partire dalla cappottatura anteriore del motore fino all’equilibratore di coda. E’ generalmente dotato di scarponi sulle ruote del carrello di atterraggio, mentre nella parte dei passeggeri presenta il lunotto posteriore panoramico “Omni-Vision”.

Un Cessna 172S Skyhawk SP

Avionica

Il cruscotto del Cessna 172N ha la disposizione standard degli strumenti di volo, nella sezione di sinistra si trovano: l’anemometro, l’orizzonte artificiale, l’altimetro, il coordinatore di virata, il giro direzionale e il variometro. Nella parte centrale compaiono il blocco degli strumenti di radionavigazione, la centralina NAV/COMM con lo ADF, il VOR e il transponder. I circuit breakers si trovano sulla parte inferiore del pannello sulla sinistra, mentre in basso a destra la manetta del motore, il comando per la miscela del carburante e il comando per dei flaps.

Il cruscotto di un Cessna 172N Skyhawk – Photo by Stephen Fox @Airliners.net

Scheda tecnica in configurazione standard

Engine Lycoming O-320-H2AD
Propellers (2 blades) McCauley 1C160 fixed-pitch
Maximum Takeoff Weight 1.043 kg
Standard Empty Weight 631 kg
Baggage Allowance 54 kg
Maximum Useful Load 410 kg
Usable Fuel Capacity 43 Gal / 54 Gal for Long Range
Take-Off Distance (50 ft) 438 m
Landing Distance (50 ft) 381 m
Service Ceiling 4328 m
Maximum Speed at Sea Level 231 km/h
Stall Speed (flaps up, power off) 92 km/h
Rate of Climb 396 m/min
**Dati tecnici riferiti al POH del Cessna 172N 1978

“There’s always a First”, il primo Cessna 172 della storia (e ancora volante)


Contenuto bonus:


Riferimenti:

http://home.iwichita.com/rh1/hold/av/avhist/csn/csn_tri.htm

https://www.flyingmag.com/aircraft/pistons/evolution-cessna-172/

https://www.boldmethod.com/blog/lists/2015/02/10-facts-about-the-cessna-172-skyhawk/

https://www.pilotweb.aero/features/flight-tests/flight-test-cessna-170-1-5453031

https://www.pilotweb.aero/news/cessna-skyhawk-65th-birthday-1-6701465

http://stateaviationjournal.com/index.php/national-news/land-o-matic-makes-flying-like-driving

https://www.flyingmag.com/story/aircraft/cessna-172-still-relevant/


Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato

Beechcraft King Air 360, la nuova famiglia dei leggendari turboelica

Da pochi giorni Textron Aviation ha presentato al pubblico la nuova famiglia dei leggendari turboelica executive: il King Air 360 e il King Air 360 ER.

La storica famiglia di aeromobili King Air, è stata introdotta dalla Beechcraft a partire dagli anni 60 e da allora sono stati venduti più 7600 aeromobili, tale record ha fatto si che il “Re dell’Aria” si guadagnasse il primato come velivolo bimotore turboelica aziendale più venduto al mondo.

Beechcraft King Air 360, il successore della serie 350i - Photo by Textron Aviation
Beechcraft King Air 360, il successore della serie 350i – Photo by Textron Aviation

Le prime due serie di turboelica aziendali furono la Model 90 e la Model 100 commercializzate dal 1964 in poi e conosciute come King Airs.

Le varianti “maggiori” con gli impennaggi di coda a “T” furono invece la serie Model 200 e Model 300, conosciute in tutto il mondo con il nome Super King Airs. Il prefisso “Super” anche se abbandonato dalla Beechcraft nel 1996 è ancora utilizzato per distinguere le serie minori (90 e 100) dalle serie maggiori (200 e 300).

Panoramica

Il King Air 360 e il King Air 360 ER sono quindi l’evoluzione della famiglia Super King Air, l’ultima dopo il King Air 350i. Le migliorie di questa nuova serie impattano principalmente sulla situational awareness e il comfort di pilota e passeggeri, sono infatti dotate del sistema Solutions & Support (IS&S) ThrustSense Autothrottle, un dispositivo in grado di regolare automaticamente la potenza (controllo di over-speed, under-speed, over-temp, over-torque) del motore nelle varie fasi di volo riducendo il carico di lavoro per pilota migliorandone la situational awareness e il decision-making.

Altra feature dal punto di vista dell’avionica è il controllo della pressione in cabina digitalizzato che regola automaticamente la pressione in base alle salite e alle discese. Tale integrazione è inclusa deck di ultima generazione Collins Aerospace Pro Line Fusion.

Il nuovo King Air 360 equipaggiato con motori Pratt & Whitney PT6A-60A - Photo by Textron Aviation
Il nuovo King Air 360 equipaggiato con motori Pratt & Whitney PT6A-60A – Photo by Textron Aviation

Migliorato anche il comfort per i passeggeri che possono apprezzare la pressione interna in cabina migliorata (5,960 piedi in cabina vs 27,000 altitudine di volo N.D.) del 10% in meno rispetto al predecessore King Air 350i. Tale miglioria rende più gradevole il volo, specialmente nelle lunghe tratte.

Descrizione

Il Beechcraft King Air 360 è un bimotore turboelica aziendale ad ala bassa, con impennaggi di coda a “T”. Ha le ali rastremate dotate alle estremità di winglet, soluzione aerodinamica che riduce la resistenza totale migliorando l’efficienza dell’ala e le prestazioni di volo.

E’ equipaggiato da due motori turboelica Pratt & Whitney PT6A-60A da 1050 SHP e trainato da eliche Hartzell quadripala a velocità costante, dotate di auto-feathering e reverse.

Può trasportare oltre 9 passeggeri (piloti inclusi) ed ha una capacità di carico di 2,3334 kg - Photo by Textron Aviation
Può trasportare oltre 9 passeggeri ha una capacità di carico di 1,154 kg – Photo by Textron Aviation

Può trasportare oltre 9 passeggeri ed ha una capacità di carico di 1,154 kg. Riguardo il carico, è possibile posizionare parte dei bagagli in vani ricavati dalle cappottature posteriori dei due motori (foto).

Avionica

Come accennato sopra il King Air 360 è dotato del flight deck integrato Collins Aerospace Pro Line Fusion con funzionalità di Autothrottle che regola automaticamente la potenza del motore durante le fasi di decollo, atterraggio, salita e discesa. Tale tecnologia riduce in maniera significativa l’intervento del pilota prevenendo le condizioni critiche di over-speed, under-speed, sovra-temperatura e sovra-coppia. Altro importante upgrade è la regolazione automatica della pressione in cabina in base alle varie altitudini di volo.

Di seguito le funzionalità dell’avionica di bordo:

  • IS&S ThrustSense Autothrottle
  • Digital Pressurization Indication
  • Collins Aerospace Pro Line Fusion Avionics Suite
    • Three 14 inch touchscreen displays
    • Synthetic Vision
    • Graphical Flight Planning
    • Integrated Charts and Maps
  • Engine Indicating and Crew Alerting System (EICAS)
  • Dual Flight Management System (FMS)
  • Multi-Scan Weather Radar System (WXR)
  • Integrated Terrain Awareness and Warning System (ITAWS)
  • Traffic Alert and Collision Avoidance (TCAS II)
  • Automatic Flight Guidance System (AFGS)
  • Dual Navigation and Communication Radios
Glass cockpit del nuovo King Air 360 - Photo by Textron Aviation
Glass cockpit del nuovo King Air 360 – Photo by Textron Aviation

Scheda tecnica in configurazione standard

Engines (x 2)Pratt & Whitney PT6A-60A 1050 SHP
Propellers (4 blades)Hartzell constant speed
Maximum Takeoff Weight6,804 kg
Maximum Landing Weight6,804 kg
Maximum Ramp Weight6,849 kg
Useful Load2,334 kg
Usable Fuel Volume2,040 L
Maximum Payload1,154 kg
Takeoff Field Length1,006 m
Landing Distance821 m
Maximum Range3,345 km
Maximum Cruise Speed578 km/h
Maximum Operating Altitude10,668 m
Maximum Climb Rate823 mpm
Stall Speed150 km/h
*Dati tecnici reperiti dal costruttore Textron Aviation

Presentazione ufficiale del Beechcraft King Air 360


Riferimenti:

https://txtav.com/en/newsroom/2020/08/introducing-the-beechcraft-king-air-360-the-new-flagship-of-the-best-selling-turboprop-family

https://beechcraft.txtav.com/en/king-air-360

https://www.collinsaerospace.com/what-we-do/Business-Aviation/Flight-Deck/Pro-Line-Fusion


Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato